The Cure – Lullaby
3309
post-template-default,single,single-post,postid-3309,single-format-video,bridge-core-3.1.2,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-30.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-7.1,vc_responsive
 

The Cure – Lullaby

The Cure – Lullaby

Lullaby è un brano musicale del gruppo rock The Cure, pubblicato come primo singolo estratto dall’album Disintegration nel 1989.

Il significato recondito di Lullaby è stato oggetto di molte speculazioni da parte dei fan, che hanno voluto intravedere nel testo della canzone dei riferimenti alla dipendenza dalle droghe ed alla depressione, ma anche lo stesso Smith ha offerto diverse spiegazioni in merito all’origine e significato del brano. Tim Pope, collaboratore di lunga data dei Cure in molti altri videoclip, raccontò che Lullaby era, infatti, un’allegoria del passato da tossicodipendente del cantante Robert Smith.  Altra interpretazione offerta da Smith, riporta invece che Lullaby, fosse una rappresentazione in musica dei suoi peggiori incubi (in particolare della sua fobia verso i ragni). L’ispirazione per la canzone venne a Robert Smith dai suoi ricordi d’infanzia ripensando alla ninna nanna “terrificante” che suo padre era solito cantargli quando non riusciva a dormire: «[Mio padre] ne tirava fuori sempre una. Avevano tutte un finale orribile. Erano cose del tipo “dormi adesso, bel bambino o non ti sveglierai mai più… “».