Pitti Uomo 91: MINI ispira la moda maschile
3305
post-template-default,single,single-post,postid-3305,single-format-standard,bridge-core-3.1.2,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-30.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-7.1,vc_responsive
 

Pitti Uomo 91: MINI ispira la moda maschile

Pitti Uomo 91: MINI ispira la moda maschile

In bilico fra i concetti di fiera e fashion week, è in corso in questi giorni la 91ª edizione di Pitti Uomo a Firenze, che torna così a essere la capitale della moda maschile.

Con un format che unisce ricerca stilistica, comunicazione e concretezza, la prestigiosa manifestazione ha richiamato nel capoluogo toscano grandi aziende della tradizione e nuovi talenti del fashion design, tutti accomunati da una visione proiettata al futuro del menswear, che a Pitti si esprime in ogni molteplice sfaccettatura.

Nonostante le temperature sotto lo zero, a Firenze si respira un’atmosfera caldissima perché è in quest’occasione che le vibrazioni estrose della moda diventano progetti concreti. È ciò che è accaduto nella cornice della Fortezza da Basso tra Pitti e MINI che, congiungendosi in un sodalizio creativo, hanno unito due mondi accomunati da valori e obiettivi da sempre legati a un approccio lifestyle contemporaneo.

La loro è una partnership consolidata, che prosegue in occasione di Pitti Uomo 2017 supportando un progetto incentrato sui nuovi talenti del fashion, ed eleva il brand MINI a ispirazione per designer e artisti emergenti grazie alla sua qualità estetica e il suo perseguire passioni e idee d’impatto. È così che nasce – in collaborazione con L’Uomo Vogue e GQ Italia – The Latest Fashion Buzz, una selezione che punta i riflettori su alcuni tra i più talentuosi e promettenti fashion designer internazionali di moda maschile: David Catalán che lavora tra Portogallo e Spagna, le cui silhouette giocano con sovrapposizioni stratificate di tessuti, Estelita Mendonça dal Portogallo, con collezioni ispirate a temi sociali, Fengchen Wang, britannica, che propone una moda funzionale e minimalista, la tedesca Goetze, che si ispira alle icone maschili del cinema americano del secolo scorso, Magliano, di Bologna, che vanta già vari progetti e collezioni da lui firmati, e Pronounce, duo cinese che propone una visione menswear contemporanea.

Questi talenti provenienti da diversi Paesi, e dai variegati background accademici e professionali, sono stati selezionati in base al tema MINI Fluid Fashion Bold Meets Genderless, un’interpretazione della moda che vuole essere audace e adatta a un target eterogeneo, sia esso uomo o donna.

Tra i sei giovani si è distinto Pronounce, per la capacità di combinare creatività e uso dei materiali in un particolare melting pot culturale, guadagnandosi così un servizio di tutor gratuito della durata di un anno, offerto dall’agenzia Creative and More.

Lo spazio MINI – situato in Piazzale delle Ghiaie – non è solo un’area di business, ma anche una lounge dove concedersi una pausa e respirare aria di innovazione e stile dove, fino al 13 gennaio, sarà ospitato il display delle collezioni dei designer di The Latest Fashion Buzz.

Grazie a questa iniziativa, Pitti consolida la sua vocazione di scouting internazionale, confermandosi attenta ai nuovi talenti, incoraggiandone la carriera e anticipando le tendenze.